In Bielorussia i Red Hot Chili Peppers sono stati scambiati per i Metallica

Simpaticissimo fuori programma per la band losangelina che si è ritrovata a dover firmare autografi su dischi e gadget dei Metallica.

“Io amo i Metallica ma non sono Robert Trujillo” è quanto dichiarato da Flea, bassista dei Red Hot, dopo essere stato invitato da funzionari della dogana bielorussi a firmare autografi come se fosse un membro dei Metallica. Un abbaglio del genere fa veramente sorridere e a stenti ci si crede. Ma è accaduto davvero.

“Siamo stati chiamati in un ufficio doganale in un aeroporto in Bielorussia e ci è stato chiesto di firmare dei CD e delle foto dei Metallica. Abbiamo cercato di spiegare che noi non eravamo i Metallica ma loro hanno insistito che firmassimo comunque” continua un incredulo Flea, immortalato mentre autografa un dvd dei Metallica.

Questi ufficiali ne devono sicuramente sapere a pacchi di musica rock. O uno o l’altro, poco importa no? Sono pur sempre delle star!

Per non rischiare di prendere o di farvi prendere altri abbagli, ricordiamo che i Metall..ehm…i Red Hot Chili Peppers saranno in concerto in Italia l’8 ottobre prossimo all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno (BO)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

Ti potrebbe interessare