Perché vale la pena andare a sentire Eddie Vedder senza i Pearl Jam

Se vi foste domandati “perché mai dovrei andare a un concerto solista di Eddie Vedder quando posso vederlo nei Pearl Jam?”, ecco, la domanda è sbagliata in partenza....

Se vi foste domandati “perché mai dovrei andare a un concerto solista di Eddie Vedder quando posso vederlo nei Pearl Jam?”, ecco, la domanda è sbagliata in partenza. Infatti, l’Eddie Vedder solista è la perfetta personificazione del detto “less is more”, quindi non aspettatevi il classico concerto rock; bensì qualcosa di più intimo, introspettivo, emozionale. Sul palco bastano lui, una chitarra, un ukulele e quattro archi; niente sovrastrutture, niente sotterfugi, niente illusioni: la pura e inestimabile bellezza della semplicità (“guaranteed“).

Eddie Vedder
Eddie Vedder @ Firenze Rocks

In ogni caso, se come me avete amato il film Into The Wild di Sean Penn, per il quale  – com’è noto – il frontman della band di Seattle ha curato la colonna sonora, questo è già di per sé un ottimo motivo per comprare il biglietto. Perchè diciamocelo: quanti di noi non hanno mai sognato di vivere a stretto contatto con la natura, sperimentando cosa significhi realmente sentirsi estremamente liberi?

Eddie Vedder
Eddie Vedder

E così, per due ore potreste essere i Christopher McCandless della vostra vita, addentrandovi nelle terre desolate del vostro “io”; attorno a voi possono esserci decine di migliaia di persone, eppure vi sembrerà di essere soli, a tu per tu con il vostro inconscio, costretti a fare i conti con voi stessi. Pertanto, sovente mi chiedo se non sia proprio questo il modo giusto di vivere: accontentarsi delle piccole cose per vivere in grande.

“When you want more than you have, you think you need; when you think more than you want, your thoughts begin to bleed. I think I need to find a bigger place: ‘cause when you have more than you think, you need more space”; si esprime in questi termini Eddie Vedder – al pari di un saggio e assennato mentore –  in Society (scritta da Jerry Hannan, il quale ha collaborato nella composizione finale del brano) assumendosi tuttavia poco dopo la penosa e funesta responsabilità di riportarci alla dura realtà dei fatti: “But If less is more how you’re keeping score? Means for every point you make your level drops, kinda like it’s starting from the top: you can’t do that”, risvegliando in noi la consapevolezza di come, purtroppo, tutto ciò sia solo una idilliaca utopia nella nostra società. 

Alessandra Valentini

In this article

Join the Conversation

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code