True Meanings: il nuovo capolavoro di Paul Weller

Il leader dei Jam e degli Style Council, in occasione dei suoi 60 anni, confessa: “l’unica cosa che so è che non smetterò mai di scrivere canzoni”. Sperimentando...

Il leader dei Jam e degli Style Council, in occasione dei suoi 60 anni, confessa: “l’unica cosa che so è che non
smetterò mai di scrivere canzoni”. Sperimentando come pochi altri artisti, passando dal punk al soul, “The
Changingman” ha intrapreso la carriera da solista nel 1989. Così il Modfather torna con un album di puro
cantautorato in cui confessa in una raffinata versione folk-acustica i suoi pensieri più profondi dedicando
anche un brano al mitico David Bowie.
Già da The Soul Searchers è possibile percepire un’atmosfera riflessiva e positiva che caratterizzerà tutto il
disco:
<<Here’s one for the searching soul in the moonlight It’s alright Head down with a furrowed brow in the deep night […]>>
<<[…]I’m trying to find The words to say But I wouldn’t want it any Other way Hey hey Sleep tight, let tomorrow Bring you a new day It’s okey Head down, let the Current take you the long way It’s okay>>
Musicalmente il pensiero va a “Wild Wood”, ma solo per quanto riguarda la chitarra perché in “The Soul
Searchers” il sound è reso più dinamico e fluido grazie al suono inconfondibile della tastiera di Rod Argent,
fondatore del gruppo The Zombies. Ebbene sì, Weller non ha convocato solamente la sua band ma anche
amici e collaboratori: ad esempio in “Mayfly”, pezzo molto soul, alla chitarra c’è Steve Brookes dei Jam; in
“Come Along” figurano due figure di spicco del folk revival britannico, Danny Thompson e Martin Carthy,
mentre in “Books” , brano dal sound indianeggiante, Noel Gallagher- presenza che non passa inosservata-
suona l’harmonium.
Per il suo quattordicesimo album Paul Weller prende ispirazione da molteplici fonti, di conseguenza lo stile
di ogni singola canzone cambia continuamente e occorre avere una certa elasticità nei gusti musicali per
poterlo apprezzare pienamente. Ideato come disco per chitarra e voce, alle cui aggiunte si è pensato in un
secondo momento, soddisferà gli ascoltatori dal gusto più semplice, ma piacerà anche agli amanti delle
atmosfere sognanti e romantiche conferite dagli archi e dai fiati che non suoneranno mai banali perché in
costante contrasto con la voce calda e avvolgente di Paul.
True Meanings è anche una riflessione paterna nata dalla preoccupazione di Weller nei confronti della
società odierna.”Che si tratti di fascismo o religione, forze oscure ci stanno facendo regredire. Fra le epoche
che ho vissuto, questa è la più drammatica” afferma. Ma in “May Love Travel With You” sembra suggerirci
una soluzione che suona anche come un augurio:
«wherever your mind wanders/ while combing through the years/ may love travel with you/ forever and without fear»

 

 

 

 

 

 

 

Chiara Picciano

In this article

Join the Conversation

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code