Marilyn Manson: nuovo disco e tour mondiale

Il giorno di San Valentino, generalmente adibito allo scambio di teneri gesti d’amore fra le coppie, è stato scelto dall’inquietante artista Marilyn Manson come data di uscita della...

Il giorno di San Valentino, generalmente adibito allo scambio di teneri gesti d’amore fra le coppie, è stato scelto dall’inquietante artista Marilyn Manson come data di uscita della sua decima e ultima produzione. Questa gustosa anteprima è stata rivelata da Marilyn stesso, all’anagrafe Brian Warner, in una intervista concessa non appena ritirato l’Icon Award durante gli Alternative Press Music Awards svoltisi nel 2016.

Questo nuovo lavoro si chiameràSay10,  è da considerarsi quasi come una prova di forza dell’artista, alla ricerca di nuove sonorità e nuovi stimoli  per sollecitare la curiosità dei fan e del pubblico. Le platee radiofoniche saranno pungolate da un prodotto più aggressivo, con chiare similitudini alle celebri tracce presenti in “Antichrist Superstar” e “Mechanical Animals”.

Chi si aspetta un lavoro con caratteristiche e peculiarità simili al precedente e acclamato “The Pale Emperor”, resterà deluso. In comune i due lavori hanno solo la compartecipazione del compositore Tyler Bates, autore della colonna sonora di Salem e con il quale Manson ha composto tutti i brani.

“Say10”  è dunque in dirittura d’arrivo. Con alcuni dilemmi ancora da dissipare. Il titolo, ad esempio. Così assimilabile, dal punto di vista sonoro e della pronuncia, alla parola satan. Solo una coincidenza? Marilyn Manson in persona prende le distanze dal gioco di parole. “Molto peggio”, conclude sibillino. La faccenda si fa preoccupante.

Il tour europeo di Mr. Manson si dispiegherà la prossima estate e farà una capatina anche nel nostro pese. Il 25 e 26 luglio, si esibirà sul palco del Rock In Roma e al Castello Scaligero di Villafranca. Sono previsti colpi di scena a gogò. Bacchettoni e benpensanti sono avvisati.

In this article

Join the Conversation

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code